Libriamoci: lavori in corso


Dal 26 al 31 ottobre 2015 Libriamoci entrerà in tutte le scuole d’Italia per diffondere la melodia della parola scritta declamata: brani da romanzi, poesie, interpretazioni teatrali, reading di gruppo, dalle scuole dell’infanzia alle superiori. Invitiamo docenti, presidi e tutti coloro che desiderano contribuire con la propria creatività, ad inserire nelle attività scolastiche delle sei giornate occasioni e progetti di lettura ad alta voce.

Al momento sono già centinaia le iniziative inserite nella banca dati di Libriamoci 2015 e molte altre sono attese grazie all’intraprendenza degli insegnanti che stanno organizzando in mille diverse modulazioni i propri eventi di lettura a voce alta, per l’ultima settimana di ottobre.

Si può ‘approfittare’ a piene mani della ricca offerta di lettori d’eccezione che volontariamente potranno venire a leggere negli istituti scolastici. Chi ancora non l’ha fatto può contattare l’agenzia Stilema (libriamoci@stilema-to.it; tel. 389 9291698) per verificare la disponibilità di lettori volontari sul proprio territorio. Attori di Rai Fiction, giornalisti, sportivi professionisti, autori, registi, artisti, etc. entreranno nelle aule a leggere ed incontrare bambini e ragazzi.

 

 

 

- Un mondo - ha spiegato lo scrittore e giornalista Massimo Gramellini - che è sempre più incapace di immaginare. Viviamo nell’epoca dell’immagine in cui tutto, dalle canzoni alle emozioni, è legato alle immagini o veicolato da esse, eppure abbiamo sempre più difficoltà a immaginare. L’immaginazione è come un muscolo e se non viene allenato pian piano si atrofizza. Un tempo ascoltando una canzone nella nostra mente sfilavano le immagini dei ricordi più privati, volti di persone care, rivivevamo situazioni ed emozioni. Oggi ci sono i video musicali, dai libri si traggono sempre più spesso film di successo, le parole contano sempre meno di una foto a effetto: non siamo più abituati a pensare costruendoci immagini da soli perché ci vengono continuamente proposte dai media, dalla società, da chi frequentiamo. Ecco: la lettura è una palestra indispensabile per rimettere in forma il muscolo dell’immaginazione e tornare a immaginare l’aspetto di un personaggio, i colori di un ambiente, atmosfere e sensazioni. Dobbiamo assolutamente combattere lo stereotipo per cui leggere è da sfigati. Non bisogna vergognarsi se si ama leggere. Stare da soli con un libro non è solitudine, è godere di una compagnia ricca e variegata quante sono le storie che leggiamo -.
Infine invitiamo tutti a scaricare su La scuola e il libro la lectio magistralis del filosofo Roberto Casati, Direttore di ricerca presso il CNRS Centre National de la

Recherche Scientifique di Parigi, utilizzando questo link:
https://youtu./WUy6MupcnAY?list=FLdao8qQriNYdYzkWYUEpy3Q

Libriamoci ha esteso l’invito a partecipare a tutti i Teatri d’Italia, chiedendo agli attori di andare a leggere nelle scuole delle città in cui sono impegnati.

E inoltre: martedì 22 ottobre anteprima di Libriamoci con i reading di Bookcity per le Scuole, giovedì 29 ottobre tutta l’Italia sincronizzata per il flash-mob Dante a mezzogiorno, e poi le letture dal 26 al 31 ottobre a Cesena, Ravenna, Ancona, Bologna, Venezia e Mestre con il ciclo di incontri Libriamoci/Ad Alta Voce di Coop Adriatica, il progetto in partnership con la SIAE Da Libriamoci a Scriviamoci, l’esperimento formativo avviato dal neonato Coordinamento delle Associazioni di promozione della lettura.

www.libriamociascuola.it
www.cepell.it



Libri in vetrina